Blog

aggiornamenti, notizie flash e curiosità da Bike Division

TOUR TENERIFE LA GOMERA: LA BELLEZZA DI SCOPRIRE

Pubblicato il 14 novembre 2019 in diario-di-viaggio
TOUR TENERIFE LA GOMERA: LA BELLEZZA DI SCOPRIRE con Bike Division

Il nostro lavoro è abbastanza scadenzato. In inverno si pedala al caldo, in primavera si va in giro per l’Europa e l’Italia, in estate si preferiscono mete un po’ più fresche. Poi c’è l’autunno, che si divide in due tra il finale di stagione e un po’ di recupero. Ed è proprio nel momento del riposo che

Il nostro lavoro è abbastanza scadenzato. In inverno si pedala al caldo, in primavera si va in giro per l’Europa e l’Italia, in estate si preferiscono mete un po’ più fresche. Poi c’è l’autunno, che si divide in due tra il finale di stagione e un po’ di recupero. Ed è proprio nel momento del riposo che ci sediamo a tavolino e cerchiamo di far diventare realtà quei sogni che ci vengono a trovare durante le tante ore in sella.
Ricordo ancora chiaramente quando, sotto il sole di agosto, durante un’uscita tra amici che era stranamente diventata silenziosa, ho pensato: “Dobbiamo fare un tour alla scoperta di Tenerife e La Gomera. Dobbiamo”.

Come sapete abbiamo un certo feeling con le isole di quella parte di mondo, e i tanti tour a Gran Canaria o il prossimo capodanno a Lanzarote, lo dimostrano. Per questo abbiamo voluto ampliare la nostra proposta, invitandovi a scoprire due nuove mete, con caratteristiche molto differenti rispetto a quello che sono nell’immaginario collettivo le isole Canarie.
Eccoci così a Tenerife, zona nord, Buenavista del Norte per la precisione. Due giorni di su e giù tra foreste tropicali, pioggie sfiorate, tornanti che portano all’oceano e che poi ti fanno risalire ad oltre 1300m. La discesa di Masca, quasi costantemente al 15% (e per fortuna si trattava di discesa…), i tornanti del Garachico e il faro di Punta Teno. Due giorni in cui abbiamo trovato il sole, poi le nebbia, poi ancora il sole, le nuvole, e infine il sole. Boschi verdi e umidi con addirittura il muschio per terra e campi aridi, che più aridi non si può. Questa è Tenerife: cinque continenti e quattro stagioni in un’unica isola.

Lo spostamento in traghetto a La Gomera è davvero veloce e in un attimo siamo in sella alla scoperta di quella che è una della isole più selvagge delle Canarie. Conformazione standard: un ex vulcano al centro e qualche piccolo paese sul mare. A fare da collegamento, strade con un asfalto perfetto: alcune esposte completamente al sole, altre all’ombra di quell’ombra che è quasi buio.
Ma i tre giorni a La Gomera sono anche tre giorni di sorrisi, paella, pomeriggi di relax al mare e serate ad ascoltare gruppi locali sorseggiando un buon drink in compagnia.
È un’isola davvero unica La Gomera. Bella, silenziosa, senza traffico. “Non me l’aspettavo così”, è stata la frase ripetuta più volte. E cosa c’è di più bello di una scoperta che sorprende e cambia le aspettative?

Il ritorno a Tenerife ha una missione: El Teide. Si parte dal mare, si arriva ad oltre 2000m. Una montagna con colate laviche, arida, dove capisci perché tutti i film che hanno come ambientazione la Luna o Marte vengano giratii lì. Si sale per oltre 50 km, si mangia nell’hotel dove Froome and company passano i loro allenamenti invernali, e poi via in discesa attraverso un mare di lava, alberi verdissimi, sole e una vista sull’Oceano che ti accompagna per 40 km.
Un paio di brindisi, la settima cena tutti insieme, abbracci tra vecchi e nuovi amici. “Ci sentiamo e ci vediamo presto!” sento ripetere più volte al momento dei saluti. Quando si scopre qualcosa tutti insieme per la prima volta, si rimane legati per sempre.
Ah, come dicevo all’inizio, è autunno. Noi siamo al lavoro per le prossime mete… siete pronti?

Bike Division Staff
« TORNA ALLA LISTA ARTICOLI

CERCA NEL BLOG

CATEGORIE

ULTIMI POST